Ven20042018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Lezione di Rapetto ai giovani per uso consapevole di internet e social network

  • PDF

Se gli ultimi dati resi noti dalla Polizia Postale rappresentano un vero e proprio allarme rosso, con il 20% degli adolescenti che vengono contattati da un potenziale molestatore su internet, (e molto spesso sono gli stessi ragazzi a mettersi nelle mani di molestatori e bulli, come testimoniano anche i recenti fatti di cronaca), non possono passare inosservati fenomeni opposti, quando cioè sono i giovani stessi a "prendere il toro per le corna" per difendersi dal cyberbullismo e dalle trappole della rete. E' il caso infatti degli alunni del 4° anno dell'Istituto Tecnico Economico Luigi di Savoia di Rieti, che il prossimo 9 maggio affronteranno un viaggio di ben 350 chilometri per andare alla sede toscana del CNR ed assistere al Privacy Day Forum organizzato da Federprivacy, dove le numerose insidie che gravitano intorno a internet saranno tra le tematiche al centro del dibattito degli addetti ai lavori.

 

Se fin qui la gita di questi studenti potrebbe sembrare una combinazione plausibile, tra un piacevole tour alla torre pendente e una visita istruttiva al Consiglio Nazionale delle Ricerche, ciò che fa di questa trasferta una vera e propria iniziativa virtuosa, è qualcosa di ancor più rimarchevole della semplice partecipazione dei ragazzi a un convegno sulla privacy: finora avevamo visto incontri di sensibilizzazione ad un uso consapevole di internet e dei social network presso le scuole, ma è la prima volta che, insolitamente, sono gli stessi studenti adolescenti a mobilitarsi per andare a informarsi su come difendersi dai pericoli online.

Così, raccogliendo l'entusiasmo della scolaresca laziale per le tematiche della tutela della privacy su internet, Federprivacy ha condiviso con l'Istituto Luigi di Savoia un progetto per realizzare uno speciale incontro interamente dedicato ai giovani durante il Privacy Day Forum del 9 maggio, per insegnare loro le misure e le accortezze da adottare quando si naviga online e difendersi dal cyberbullismo.

"Per realizzare l'iniziativa sollecitata dall'istituto reatino - ha spiegato il presidente di Federprivacy Nicola Bernardi - non volevamo limitarci al solito incontro di sensibilizzazione rivolto a una platea di giovani che sono nativi digitali, e che quindi di internet ne sanno spesso più dei genitori. Dovevamo trasmettere loro delle nozioni effettivamente utili per difendersi dai pericoli online, perciò abbiamo deciso di dare loro il massimo, affidando la lezione ad Umberto Rapetto, uno dei massimi esperti informatici che il nostro Paese possa vantare. Inoltre, grazie al Garante per la protezione dei dati personali, potremo dare a ciascun partecipante un esemplare del volume 'Educare alla Rete', che è una raccolta di tutte le campagne di comunicazione istituzionale realizzate dall’Autorità negli ultimi anni, e che sarà per i ragazzi un ottimo ausilio didattico."

A istruire gli studenti su come tutelarsi online in occasione del 4° Privacy Day Forum, sarà quindi il Generale Umberto Rapetto, 11 anni alla guida del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, e noto a tutti come lo "sceriffo del web", oltre che per aver compiuto imprese mirabili come l'aver diretto le indagini che hanno portato alla condanna in via definitiva degli hacker protagonisti di attacchi sul web a danno del Pentagono e della NASA. 

Lo stesso Rapetto, oltre che docente della lezione in aula con i giovani studenti, nello stesso giorno del Privacy Day Forum sarà anche relatore nella plenaria dell'auditorium del CNR di Pisa, con un intervento rivolto invece agli addetti ai lavori, dal titolo "Internet & Privacy: la minaccia virtuale è sempre più reale".

Fonte: AdnKronos

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Maggio 2014 20:41

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:801

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:5172

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1397

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1460

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1981

Leggi tutto
Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi