Sab20102018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Furto d'identità sul web, l'allarme degli esperti: sono otto milioni gli italiani a rischio

  • PDF

Un giovane su tre condivide on line informazioni private, ignorando le informative sulla privacy e utilizzando molto spesso connessioni non sicure. Da qui la necessità di insegnare fin dalla scuola come difendersi e gestire al meglio il proprio profilo digitale.

Quasi otto milioni di italiani sono esposti a furto d'identità. Il 60% degli europei che frequenta le reti sociali e utilizza Internet, per comprare e vendere online, rivela i propri dati personali sui siti cui accede. Di questi quasi il 90% rilascia informazioni biografiche, il 50% informazioni sociali e il 10% informazioni sensibili. Ma il 70% di questi dichiara di essere preoccupato di come le imprese usano questi dati e ritiene di avere solo un controllo parziale, se non nullo, su queste informazioni. Sono alcuni dati dell'Osservatorio TuttiMedia - Media Duemila, presentati oggi nel corso della tavola rotonda 'Ombre e nebbie nell'era dei social media e della trasparenza', nell'ambito del premio 'Nostalgia di futuro', celebrato in ricordo di Giovanni Giovannini, presso la Fieg, a Roma.

Se guardiamo alla popolazione giovanile mondiale, addirittura il 30% che ha accesso a internet condivide online informazioni private ignorando le informative sulla privacy e molto spesso utilizza connessioni non sicure. ''L'utente deve decidere quale immagine vuole proiettare nel mondo -ha sottolineato Derrick de Kerckhove, massmediologo e direttore scientifico della rivista Media Duemila- deve avere accesso ai dati raccolti su di lui oltre ad avere il diritto di decidere se essere incluso in una statistica di acquisti''. ''E' necessaria una costituzione globale -ha proseguito de Kerchove- che protegga i diritti del cittadino, la sua privacy e garantisca il potere di gestire la propria persona digitale. Esiste non solo un diritto ma anche un dovere di sapere. Bisogna insegnare fin dalla scuola come gestire il proprio profilo digitale e come imparare a difendersi dal controllo per non mettersi addosso una camicia di forza elettronica. Un programma di educazione che dovrebbe rientrare nell'Agenda Digitale''.

''La tutela dell'identità attiene alla verità dell'informazione'', ha affermato, nel suo contributo ai lavori Luida Todini, consigliere d'amministrazione della Rai. "I social network sono diventati un modo per 'metterci la faccia', partecipare al dialogo. La Rai ha una grande attenzione per le nuove opportunità, ma con quel senso di responsabilità che ci impone la nostra missione di essere servizio pubblico''. A rilanciare la sfida della qualità dell'informazione nel mondo dei nuovi media, è stato anche Franco Siddi, segretario generale della Fnsi, per il quale ''occorre coniugare giornalismo moderno e qualificato, che non perde la propria identità con le nuove sfide dell'informazione. Un percorso -ha rimarcato- nel quale le imprese devono investire sulla carta dell'innovazione, che è il futuro''.

Fonte: Adnkronos

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:1038

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6314

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1553

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1801

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2306

Leggi tutto
Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi