Ven24112017

Ultimo aggiornamento06:43:53

Corso di formazione manageriale per Data Protection Officer al CNR di Pisa

  • PDF

Percorso specialistico per DPO organizzato da Federprivacy con il patrocinio del CNR di Pisa. Programma di 124 ore con 23 docenti esperti della materia, anche autori di un nuovo manuale consegnato in anteprima al corso. Bernardi: "Profilo del Data Protection Officer è quello di un vero e proprio manager, necessario taglio operativo con obiettivo di fornire competenze su gestione processi aziendali e trasmettere know-how". Partecipanti selezionati dal Consiglio Direttivo dell'Associazione.

Pisa, 13 settembre 2017 - E' un progetto ambizioso, quello messo a punto da Federprivacy con il patrocinio del CNR Area della Ricerca di Pisa per formare i professionisti che aspirano a ricoprire il ruolo di "Responsabile della Protezione dei Dati", figura che dal 25 maggio 2018 sarà obbligatoria per tutte le pubbliche amministrazioni e altre migliaia di imprese che rientrano nei parametri previsti dal nuovo Regolamento UE 2016/679.

Inizierà a metà gennaio e si concluderà a fine marzo 2018 il "Corso di formazione manageriale per Data Protection Officer", ripartito in 6 moduli di 3 giorni ciascuno con lezioni frontali in aula teoriche ed operative, test online, simulazioni, esercitazioni intermedie, e anche un esame finale che i partecipanti dovranno sostenere per conseguire l'Attestato di Competenza rilasciato da Federprivacy, associazione iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013.

Si tratta quindi di un percorso full-immersion di 18 giornate che coinvolge 23 docenti trai più noti esperti di privacy e protezione dei dati personali, i quali svilupperanno un programma di 124 ore alternate tra materie del diritto e quelle dell'informatica, con specifiche verticalizzazioni sulla governance aziendale, come richiede un profilo manageriale quale è quello del Data Protection Officer, come spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy:

"Come richiede il Regolamento UE, per ricoprire questo ruolo è necessario possedere un'adeguata conoscenza della normativa e delle prassi di gestione dei dati personali, ma non è tutto. Altri requisiti come quello di dover operare in piena indipendenza, fungere da punto di contatto con il Garante e con gli interessati, fornire pareri al titolare, e cooperare con l'Autorità di controllo, delineano in sostanza un vero e proprio manager - osserva Bernardi - Per questo,  abbiamo impostato il programma del corso specialistico patrocinato dal CNR di Pisa con un taglio operativo con l'obiettivo di fornire ai futuri Data Protection Officer anche tutta una serie di specifiche competenze sulla gestione dei processi aziendali, così da trasmettere quel know-how che serve per trovare soluzioni a problematiche complesse come sono quelle relative alla compliance al GDPR."

Il corso si svolgerà al CNR Area della Ricerca di Pisa, e la partecipazione è ristretta ad un numero limitato di partecipanti selezionati dal Consiglio Direttivo di Federprivacy. Le domande di ammissione possono essere inviate attraverso apposito form online sul sito dell'Associazione, e i candidati prescelti riceveranno un invito personale per entrare a far parte della classe.  

Incluso nel kit del materiale didattico fornito al corso, vi sarà inoltre in anteprima una copia di un nuovo volume scritto dagli stessi autorevoli docenti dal titolo "Regolamento UE 2016/679: manuale operativo per il Data Protection Officer", che l'editore Wolters Kluwer (Ipsoa) metterà poi nelle librerie ad inizio del 2018. Questo permetterà ai partecipanti di seguire e approfondire i contenuti delle lezioni direttamente dal libro di testo.

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:556

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:3791

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1123

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1223

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1706

Leggi tutto
Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2017 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi