Lun20112017

Ultimo aggiornamento06:43:53

Con la app per il fotoritocco la privacy è a rischio

  • PDF

Dopo aver spopolato in Cina, arriva anche in occidente Meitu, una app di fotoritocco con la particolarità di far sembrare i soggetti fotografati dei personaggi di un fumetto giapponese. L'applicazione Made in China, che consente di giocare con effetti come 'fiaba' e 'angelico', aggiungere sfondi di petali e fiori, sta però facendo sollevare dubbi sulla tutela della privacy degli utenti.

 

Alcuni esperti di sicurezza hanno infatti criticato l'ingente mole di dati raccolti dalla app.

 

Agli utenti Android, in fase di installazione Meitu chiede il permesso di accedere non solo alla fotocamera e al rullino dello smartphone, ma anche a informazioni non necessarie all'uso dell'app come il numero di telefono o la posizione geografica, le chiamate e le connessioni wi-fi. "Fatemi capire bene: tutti voi avete appena scaricato una app cinese che richiede tutte queste autorizzazioni? Fatemi sapere come va a finire", ha twittato il ricercatore di sicurezza informatica Greg Linares.

Anche la versione per iPhone di Meitu raccoglie parecchi dati, tra cui il nome della compagnia telefonica utilizzata e se il dispositivo ha il jailbreak, se cioè è stato modificato per poter installare app di terze parti. Per il presidente del Sudo Security Group, Will Strafach, la versione per iOS "raccoglie dati parzialmente sensibili, ma non è insolito".

Meitu si è difesa dalle accuse: "L'unico scopo di raccogliere i dati è ottimizzare il funzionamento della app e capire meglio il coinvolgimento dei consumatori con la pubblicità in-app", ha fatto sapere, sottolineando di "non vendere in alcuna forma i dati degli utenti".

Fonte: Ansa

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:552

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:3715

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1118

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1218

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1696

Leggi tutto
Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2017 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi