Ven27112020

Ultimo aggiornamento06:43:53

Ora siamo spiati anche in casa nostra con le smart tv

  • PDF

Secondo un servizio di InfoWars, (vedi video), la privacy policy che ora è inclusa in tutte le Smart TV Samsung appena acquistate afferma che la tecnologia di riconoscimento vocale “può catturare i comandi vocali e testi associati” al fine di “migliorare le caratteristiche” del sistema. L'informativa, una sintesi della quale è anche pubblicata on-line , consiglia agli utenti in modo sinistro: “Si prega di essere consapevole del fatto che anche le parole pronunciate che  includono informazioni sensibili, personali o altro, saranno tra i dati acquisiti e trasmessi a terzi tramite l’uso di riconoscimento vocale”.

 

Michael Price, del Consiglio nella Libertà e Programma Nazionale di Sicurezza presso il Centro per la Giustizia Brennan alla New York University School of Law, ha detto che era  “terrorizzato” del suo nuovo televisore, notando che il riconoscimento vocale è solo una caratteristica che potrebbe essere utilizzato per spiare gli utenti. La televisione registra anche visite al sito web, ha una fotocamera integrata per il riconoscimento facciale e utilizza cookie traccianti per rilevare “dopo aver visto il contenuto particolare o un particolare messaggio di posta elettronica.”

“Non dubito che questi dati sono importanti per fornire contenuti e convenienza, ma sono anche informazioni incredibilmente personali costituzionalmente protette che non dovrebbero essere in vendita per gli inserzionisti e dovrebbero richiedere un mandato per le forze dell’ordine per l’accesso,” scrive Price , aggiungendo che leggi sulla privacy vigenti offrono poca protezione contro dati “di terze parti”. 

Mr Price  richiama inoltre all’attenzione le osservazioni fatte nel 2012 dall’ex direttore della CIA David Petraeus, che ha salutato la “Internet delle cose” come una manna trasformazione per “tradecraft clandestina”. In altre parole, presto sarà più facile che mai per tenere sotto controllo la popolazione dal momento che tutto che usano sarà collegato al web, con totale disprezzo per le considerazioni sulla privacy.

Stando a quanto spiegato da Michael Price, nessuno dovrà installare cimici nel nostro salotto, ma d'ora in poi saremo noi a farlo, e pagheremo anche per essere spiati! In pratica, una tecnologia più sofisticata presente nella nostra XboX Kynect farà una scansione continua di quello che succede davanti al nostro televisore. Pensate di avere un televisore per camera…. poi il microfono sente ed analizza le nostre voci, le parole chiavi,  inviando tutto non certamente solo alle aziende pubblicitarie.

Fonte: InfoWars

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Domenica 16 Novembre 2014 10:11

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2020 | | Direttore Responsabile:Nicola Bernardi