Sab22092018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Garante Privacy, più tutela per chi acquista online con smartphone e tablet

  • PDF

Informativa ad hoc e misure di sicurezza forti per garantire la privacy di chi paga con il telefonino (mobile payment); il consenso, non richiesto per la semplice operazione di addebito, scatta se gli operatori coinvolti vogliono fare operazioni di marketing.

Il Garante della privacy, con il provvedimento n. 561 del 12 dicembre 2013, ha impartito le direttive per i pagamenti via smartphone e tablet. Si tratta in particolare dell’obbligo di informativa agli utenti sull’uso dei dati, di misure di sicurezza adeguate, della predeterminazione di un termine semestrale di conservazione dei dati.
Per il consenso vale l’eccezione prevista dal codice della privacy (articolo 24) per l’adempimento di obblighi contrattuali, ma si torna alla regola se i dati vengono trattati con finalità promozionali. Ecco, dunque, il contenuto del provvedimento, su cui il Garante ha aperto una consultazione pubblica (il relativo comunicato è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3/1/2014).

Cosa è il mobile payment. I servizi di mobile payment consentono di regolare i pagamenti di beni sia digitali che fisici tramite un terminale mobile. Ci sono due categorie: 1) il mobile remote payment, nel quale i pagamenti sono attivati dal cliente a distanza con il telefono cellulare; 2) il mobile proximity payment, in cui i pagamenti si eseguono avvicinando il dispositivo mobile a un apposito lettore Pos. I pagamenti sono regolati con decurtazione del credito telefonico, per i clienti con carta ricaricabile, e mediante l’addebito sul conto telefonico, per i clienti con un contratto di abbonamento. In Italia si è sviluppata una piattaforma per il pagamento con il telefonino di copie di quotidiani online (one shot o in abbonamento), contenuti musicali e video, social games, contenuti riferiti a un pubblico adulto.

Fonte:Italia Oggi - Articolo a cura di Antonio Ciccia

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Ottobre 2014 03:12

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:1001

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6189

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1534

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1760

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2248

Leggi tutto
Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi