Dom25102020

Ultimo aggiornamento06:43:53

Lectia Magistralis di Rapetto dedicata ai privacy officer

  • PDF

E' passato già qualche mese dalle clamorose dimissioni del colonello Umberto Rapetto dal Nucleo Frodi Telematiche della Guardia di Finanza, ma è stata tutt'altro che un'uscita di scena da parte dello sceriffo del web, che anzi ha visto piovere apprezzamenti da parte delle più autorevoli testate giornalistiche e da migliaia di estimatori che hanno letteralmente invaso la rete di commenti a sostegno dell'ex comandante del Gat.

Che Rapetto sia indiscutibilmente riconosciuto come numero uno nella difesa dei dati dagli hacker per capacità ed esperienza, é dimostrato anche dall'interesse che sta riscuotendo il corso promosso da Federprivacy che lo vedrà come docente il 20 settembre all' Università Marconi di Roma, dal titolo "Privacy Officer: idonee misure di sicurezza per proteggere i dati nell'era digitale".

Stando infatti alle numerosissime manifestazioni di interesse già pervenute da tutta Italia, sono infatti previsti 50 o più partecipanti alla lectia magistralis del Dr. Rapetto, che in una giornata full-immersion spiegherà veleni e antidoti che riguardano i dati delle imprese. Trai partecipanti che hanno già prenotato ci sono molti consulenti e responsabili privacy di note multinazionali, enti pubblici, istituti bancari, e ovviamente responsabili IT, amministratori di sistema, ed altri professionisti dei settori informatici.

"Quando siamo stati chiamati a soddisfare le molte richieste che ci pervenivano dai nostri associati che rilevavano sempre più l'esigenza di organizzare una sessione dedicata alle misure di sicurezza - spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - quello che é subito emerso é il fatto che troppo spesso certi corsi si concentrano molto sulla parte giuridica delle misure di sicurezza, trattando invece gli argomenti informatici in modo riduttivo, trascurando così gli aspetti pratici. Ma c'era anche il problema inverso, ovvero che altri seminari affrontano in lungo e in largo tutte le minacce informatiche, lasciando però a desiderare circa gli aspetti giuridici, che rappresentano un nodo fondamentale della data-protection. Era quindi chiaro che Federprivacy doveva mettere a punto un corso che puntasse a dare sia il know-how ma anche il know-why sull' adozione di misure di sicurezza veramente idonee a protezione dei sistemi informativi aziendali. Sulle prime abbiamo pensato che per organizzare un evento del genere avremmo dovuto necessariamente avvalerci di due docenti, poi però, esplorando il mondo degli esperti della materia, non vi é stato alcun dubbio che Rapetto fosse uno trai pochissimi professionisti, se non l'unico, in grado di garantire altissimi standard sia sul fronte giuridico che naturalmente su quello informatico, e la scelta non poteva ricadere che su di lui."

Umberto Rapetto, 3 lauree, 37 anni di servizio nelle fiamme gialle e un curriculum da favola, (tra le decine di celebri indagini che ha diretto basti pensare a quelle che hanno portato alla condanna in via definitiva degli hacker protagonisti di attacchi sul web a danno del Pentagono e della NASA), docente universitario in diversi atenei, autore di decine di libri e brillante penna di autorevoli quotidiani come Il Sole 24 Ore con oltre 2.000 articoli, é da poco approdato alla corte di Franco Bernabè, presidente di Telecom, come suo consulente strategico.

E' storia nota che quando si é sparsa voce che Rapetto sarebbe uscito dalla Guardia di Finanza, le aziende che lo hanno corteggiato sono state da subito tantissime e prestigiosissime, ma una sola poteva riuscire ad ingaggiarlo.

Ed è quindi altrettanto fuori discussione che averlo personalmente come "coach" costituisca un valore aggiunto, sia in termini di conoscenze, sia a livello di credenziali professionali.

Se gli alti vertici della Guardia di Finanza si sono fatti inspiegabilmente scappare un guru come Rapetto, senza dubbio quello del prossimo 20 settembre é un appuntamento direttamente con lui da non farsi sfuggire per i professionisti della data-protection.

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Domenica 28 Ottobre 2012 18:08

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2020 | | Direttore Responsabile:Nicola Bernardi