Lun25092017

Ultimo aggiornamento06:43:53

Germania: Facebook ancora nel mirino del Garante Privacy tedesco

  • PDF

Nuovi guai in vista per Facebook, accusato dall’Autorità per la Protezione dei Dati tedesca di monitorare gli utenti anche dopo che hanno disattivato o cancellato i loro account. Lo farebbe, sostiene il direttore dell’agenzia Johannes Caspar, tramite cookie creati quando l’utente effettua la registrazione e poi conservati anche quando abbandona il servizio. Questi cookie verrebbero conservati per due anni, permettendo a Facebook di tracciare i vecchi utenti senza averne il consenso.

 

La risposta di Facebook, in passato già accusato dall’Autorità tedesca di aver utilizzato i dati degli utenti per finalità di marketing, non si è fatta attendere. In un comunicato diffuso poche ore fa si legge:

Facebook non traccia gli utenti. Usiamo i cookie nei social plugins per personalizzare i contenuti (per esempio mostrando all’utente cosa piace ai suoi amici), per curare e migliorare quello che facciamo (ad esempio misurare la percentuale di clic) o per la sicurezza (per impedire, ad esempio, che minorenni possano iscriversi al servizio dichiarando un’età diversa da quella effettiva). Nessuna informazione ricevuta viene utilizzata per pubblicità mirate, cancelliamo o rendiamo anonime questi dati entro 90 giorni. Non venderemo mai le vostre informazioni.
L’Autorità di Amburgo, dopo aver letto le dettagliate spiegazioni fornite da Facebook sull’utilizzo dei cookie, afferma che tali argomentazioni non giustificano quelle procedure e chiede all’azienda di Palo Alto di fornire chiarimenti “pubblici e trasparenti” e di trovare una soluzione che sia in linea con la Legge.
Fonte: Euronews

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Agosto 2012 11:25

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:469

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:3198

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1027

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1126

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1599

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2017 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi