Lun10122018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Usa: i giovani cercano privacy, soprattutto per "difendersi" dai genitori

  • PDF

Sono sempre di più i ragazzi che si sbarazzano delle app scaricate sul proprio smartphone per difendere la propria privacy. Stando a una ricerca del Pew Research Center, noto istituto di ricerca con sede a Washington, i teenager americani tra i 12 e i 17 anni fanno molta attenzione al tipo di informazioni riservate che devono rendere pubbliche pur di usare una determinata applicazione. La metà di loro vuole tenere per se informazioni riservate senza condividerle in rete. Se il 26% dei giovani intervistati disinstalla un app dopo aver scoperto che immagazzina e conserva dati sensibili, quasi un ragazzo su due (il 46%) dichiara di aver disabilitato la geolocalizzazione, cioè quella funzione che segue gli spostamenti dell'utente e ne diffonde la posizione ogni volta che viene postato qualcosa sui social network.

Non si vuole far sapere a nessuno dove ci si trova in un determinato momento. E il pensiero è rivolto soprattutto ai propri genitori. Precauzione sensata visto che un report dell'istituto americano del 2009 ha dimostrato che la metà dei genitori di un ragazzo in possesso di un smartphone usa il cellulare per monitorare gli spostamenti del figlio.

Più preoccupate della condivisione della propria posizione sono le ragazze (il 59%) contro il 37% dei maschi. I giovani poi si dimostrano più prudenti: se il 56% dei giovanissimi ( dai 12 ai 14 anni) evita di scaricare app dopo aver scoperto che condividono "informazioni personali" il 49% dei più grandi (dai 14 ai 17) non se ne preoccupa, scarica l'applicazione e poi, se risulta troppo invadente la elimina.

 

Fonte: TGCom24

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:1118

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6530

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1589

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1895

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2414

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi