Mer13122017

Ultimo aggiornamento06:43:53

Sanità, dipendenti "spiati" con microchip nei camici. Sindacati: "Violazione privacy"

  • PDF

Microchip nascosti all'interno delle divise dei dipendenti della Sanità ligure. Lo ha scoperto per caso un rappresentante sindacale dell'ospedale Galliera. Abbottonandosi la camicia ha sentito qualcosa nella cucitura e, una volta tagliata, ha scoperto la "cimice": un localizzatore Gps. "E' un modo per evitare che i capi si perdano dopo il lavaggio", fanno sapere i vertici della Asl. Ma per i sindacati è una "grave violazione della privacy".

Come racconta il quotidiano "La Repubblica", nessuno dei 22mila dipendenti della Sanità pubblica ligure era stato avvertito della novità che riguarderebbe tutti coloro che lavorano in divisa (dai medici, ai barellieri, passando per specializzandi e uscieri).

I vertici: "Necessario per non perdere i capi" - "Il camice e il microchip identificano la persona, sono associati a quel dipendente — ha spiegato a "Repubblica" Luigi Bottaro, direttore della Asl Tre Genovese — in modo che i capi, dopo essere stati lavati, tornino alla base di partenza, cioè ai proprietari. Per evitare, così, che possano finire ad altri".

Sindacati: "Violazione della privacy e rischio per la salute" - Ma la spiegazione non sembra però convincere i diretti interessati che parlano di un controllo fuorilegge sul posto di lavoro e temono inoltre che il dispositivo possa costituire un rischio della salute. Anche perché, viene sottolineato in una lettera inviata ai vertici ospedalieri, come alcuni dipendenti potrebbero avere contemporaneamente addosso tre differenti Gps, uno nella camicia, uno nei pantaloni, l’altro nella giacca.

Fonte: Tgcom

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:583

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:3943

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1171

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1258

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1742

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2017 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi