Ven16112018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Installare una telecamera finta a scopo deterrente: una soluzione o un problema in più?

  • PDF

Molti, pensando che poteva costituire un efficace deterrente contro furti e rapine, hanno pensato che, invece di spendere soldi e risorse, con una bella telecamera finta nel proprio esercizio, magari con tanto di cartello (informativa minima), avrebbero potutto prevenire un bel po' di guai. E invece senza saperlo i guai sono andati a cercarseli. E qualcuno ne ha pure approfittato! Perchè meglio evitare di installare una telecamera finta?

Preliminarmente, giova evidenziare, analizzare ed indicare i principi ispiratori della legge in materia di videosorveglianza ed anche l’orientamento del Garante in materia, contenuto nel c.d. “Provvedimento generale sulla videosorveglianza del 29.04.2004. I principi di legge ispiratori della materia, dunque riguardano:

 

  1. La liceità: (artt.18/20) per i soggetti pubblici: svolgimento di funzioni istituzionali, artt.23/27 per i soggetti privati: consenso libero ed espresso, adempimento di un obbligo di legge, bilanciamento di interessi valutato dal Garante
  2. La necessità: un sistema di videosorveglianza costituisce in ogni caso un vincolo per il cittadino, e deve, pertanto sottostare a regole che ne impediscano un uso eccessivo, distorto e/o comunque superfluo, che renderebbe, per l’effetto, illecito il trattamento
  3. La proporzionalità: La videosorveglianza, può essere adottata dal titolare solo se realmente proporzionata agli scopi prefissi
  4. La finalità: gli scopi perseguiti devono essere determinati, espliciti e legittimi.

In particolare, va detto che la videosorveglianza si rende necessaria e quindi è ammessa quando il titolare la adotta per aumentare la sicurezza all’interno/esterno dei luoghi dove svolge l’attività produttiva, industriale, commerciale (anche per agevolare il diritto di difesa, in sede civile e penale, con l’ausilio di immagini su fatti illeciti).

In questo caso l’informativa deve essere esaustiva sotto ogni profilo: deve, cioè contenere cartelli e comunicazioni che devono indicare con la massima chiarezza, che quella area, quella zona è video sorvegliata.

Se queste sono le premesse, balza agli occhi evidente che l’installazione di una telecamera finta, sempre spenta e disattivata messa a scopo deterrente, fuorvia rispetto al dettato normativo ed all’orientamento del Garante, perché delle due l’una, o l’installazione di un impianto di videosorveglianza si rende necessario ed indefettibile per ragioni di sicurezza e difesa dei cittadini in un’ottica di bilanciamento e di contemperamento di interessi e di diritti costituzionalmente garantiti, oppure non è necessario e quindi superfluo ed inutile a garantire appunto la sicurezza pubblica.

Se non è necessario, quindi non deve essere installato.

Peggio se viene installato per motivi di deterrenza.

In questo caso, l’illiceità della causa sarebbe in “re ipsa” perché fuorviante rispetto alla norma, regolatrice dei principi ispiratori in materia di videosorveglianza ed all’interpretazione autentica che di essa rende il Garante.

Lo scopo deterrente si pone, quindi, in stridente contrasto con la ratio legis in materia, perché permeabile a qualsiasi applicazione incontrollabile e pericolosamente estensiva della norma in questione.

Ad avviso di chi scrive, si potrebbe considerare lo scopo della deterrenza quale quello assorbente per l’installazione di uno pseudo impianto di video sorveglianza, un’ipotesi di reato, (v. art. 610 c.p. che contempla il delitto di violenza privata)

Per altro verso, l’installazione fittizia di un impianto di videosorveglianza in un’area privata accessibile al pubblico, come ad es. un parcheggio di un super o ipermercato, pone aliunde problemi di responsabilità concorrente (contrattuale ed extracontrattuale) a carico della proprietà dell’esercizio commerciale, nel caso in cui un fatto illecito si compia a danno del privato-cliente, il quale si troverebbe a non poter utilizzare il dispositivo elettronico di registrazione dell’evento per finalità di risarcimento di tutti i danni subiti e subendi, con l’aggravante che verrebbe meno, fatto ancor più grave, la possibilità da parte dell’autorità giudiziaria inquirente, di poter utilizzare il finto impianto “indebitamente segnalato”, per reprimere reati gravi quali la rapina, il furto, le lesioni personali e per risalirne agli autori.

Articolo a cura di Nicola Bernardi , Presidente di Federprivacy

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Ottobre 2014 02:54

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:1074

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6430

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1569

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1851

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2363

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi