Lun25092017

Ultimo aggiornamento06:43:53

Booking online, se il prezzo sale occhio al "dynamic pricing"

  • PDF

Avete appena dato uno sguardo ai voli aerei per andare in vacanza, avete confrontato i prezzi di qualche hotel, magari avete perfino scritto sui social network che vi piacerebbe tanto essere su quella spiaggia, adesso. In pratica: avete lasciato online tracce dei vostri desideri. E i vostri desideri diventano più cari. Poco tempo dopo, tornando sul sito di pacchetti vacanze, scoprirete che il prezzo del volo per quella destinazione che sognate è aumentato. Idem per la camera dell'hotel. La colpa non è dell'alta stagione ma del dynamic pricing, una tecnica utilizzata da numerosi siti web per incrementare i propri guadagni.

In pratica, queste aziende si affidano ad algoritmi che tengono conto della domanda e dell'offerta, dei prezzi praticati dalla concorrenza, delle previsioni meteo, e delle informazioni che gli utenti lasciano sui social network. Così, durante il periodo estivo, si rischia di pagare cifre più alte del dovuto. L'allarme è stato lanciato da Federprivacy, secondo cui i prezzi applicati da alcuni siti possono essere aumentati anche del 30% attraverso il dynamic pricing con cui vengono profilati i comportamenti degli utenti utilizzando i cookies e altre tecnologie di web analytics che permettono di determinare prezzi “su misura” in base al grado di interesse dei potenziali clienti.

«Per difendersi dalle pratiche tariffarie dinamiche ingannevoli quando si deve prenotare una vacanza su internet, è fondamentale adottare alcune best practice – consiglia Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - non solo per proteggere la propria privacy, ma anche per non pagare più del dovuto. Perciò può essere utile per gli utenti cancellare spesso la cronologia di navigazione del browser, bloccare il consenso all'utilizzo dei cookies di terza parte, installare software di navigazione anonima, e controllare se nelle condizioni di vendita c'è una garanzia sul prezzo pagato».

I consigli di Federprivacy sono rivolti al 34% dei vacanzieri che, secondo l'Istat, si affida ai siti internet per prenotare voli aerei, pacchetti all inclusive e hotel.

Il fatturato annuo del mercato digitale del turismo vale 9,5 miliardi annui: secondo Federprivacy le aziende che ricorrono al dynamic pricing registrano nel breve periodo un aumento di profitti in media del 25%, a discapito della trasparenza e della correttezza verso gli utenti. Proprio per questo, di recente, la questione è stata oggetto di un'interrogazione parlamentare in sede Ue, in seguito alla quale la Commissione si è pronunciata il 30 giugno 2016 puntualizzando che il nuovo Regolamento Ue 2016/679 permette questo genere di profilazione degli utenti solo con il loro esplicito consenso, mentre in certi casi le pratiche tariffarie dinamiche su internet possono essere ritenute sleali ai sensi della direttiva 2005/29/CE dalle autorità nazionali competenti, e in Italia l'Antitrust può comminare multe fino a 5 milioni di euro, mentre con il nuovo Regolamento Europeo il Garante per la Privacy potrà fare multe addirittura fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato dei contravventori.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:470

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:3198

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1027

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1127

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1600

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2017 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi