Mar11122018

Ultimo aggiornamento06:43:53

La privacy salva i morosi che non pagano i tributi al Comune

  • PDF

I Comuni non possono pubblicare sul proprio sito web i nomi dei cittadini che non pagano tasse e tributi. La legge a livello nazionale non prevede  quest'obbligo, e neppure un ente locale può emanare un regolamento che imponga di rendere noti i nomi dei morosi. A dirlo è il Garante della Privacy, facendo seguito a una istruttoria avviata su un ente locale che aveva annunciato l'intenzione di mettere online una vera e propria black-list con le generalità dei morosi. Secondo l'Authority della privacy, la procedura che il Comune intendeva avviare viola sotto vari profili il principio di legalità:

 

in primis, a giudizio del Garante, un Comune non può introdurre l'obbligo di pubblicazione on line dei morosi sul proprio sito web con un proprio regolamento, né una nuova sanzione accessoria, quale sarebbe la pubblicazione on line oltre alle sanzioni amministrative già previste per chi paga in ritardo o non paga affatto i tributi. Semmai, dovrebbe essere una legge nazionale oppure un regolamento europeo a stabilire una tale previsione, ma viene difficile pensare che possa essere emanata una legge che autorizzi i Comuni a pubblicare tali informazioni che risulterebbero una sorta di elenco dei cattivi pagatori, con ripercussioni notevoli sulla dignità del cittadino e sulla sua reputazione legata alla solvibilità economica, assai delicata nei casi di ricorso al credito, come richieste di finanziamenti e mutui. 

Un altro aspetto che ha motivato il Garante a stoppare la pubblicazione dei morosi online, è che la diffusione di tali nomi non è giustificata neanche dalla normativa sulla trasparenza, che delimita con precisione quali sono gli obblighi di pubblicazione sui siti web istituzionali. Sempre in base a questa normativa, i dati identificativi dovrebbero essere comunque anonimizzati prima di essere messi online. Infine, il Garante ha fatto notare che la pubblicazione in internet dei nominativi di coloro che non pagano puntualmente i tributi, costituirebbe un trattamento di dati non conforme ai principi  del Codice privacy: necessità, pertinenza e non eccedenza nel trattamento. Chi non riesce a pagare puntualmente i tributi, oltre alle ansietà economiche, può tirare almeno un sospiro di sollievo e risparmiarsi ulteriori preoccupazioni di essere esposti alla gogna mediatica del web.

Fonte: Blasting News

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Martedì 01 Settembre 2015 10:04

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:1119

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6533

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1590

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1898

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2415

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi