Mer25042018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Giovani e web, poca attenzione per la privacy

  • PDF

Che rapporto hanno i giovani con il web e i social network? Secondo un’indagine svolta su 700 ragazzi in Europa, dei quali oltre 400 italiani, internet è utilizzatissimo tanto per studiare che per comunicare ma c’è poca consapevolezza circa i rischi che si corrono in rete.

 

 

Lo studio ‘Stop the violence‘ è stato svolto nell’ambito di Povel, acronimo di “Prevention of violence trought education to legality” (Prevenzione alla violenza attraverso l’educazione alla legalità), progetto internazionale finanziato dalla Commissione Europea e finalizzato alla prevenzione di comportamenti a rischio che possono indurre i ragazzi tra i 16 e i 17 anni all’assunzione di droghe o ad azioni di bullismo e cyber violenza.

Oltre ad analizzare il rapporto dei giovani con le figure che dovrebbero rappresentare per loro un riferimento (genitori, educatori e adulti in genere) lo studio ha voluto comprendere più a fondo il rapporto dei ragazzi con il web e con i concetti di sicurezza e privacy online.

La maggior parte dei giovani intervistati (81,7%) ha un profilo sui social network in cui pubblica pensieri (59%), foto e video (56,5%). Molti giovani si avvalgono inoltre delle chat oltre che per comunicare con i propri amici anche per conoscere nuove persone (47%). Se a questi dati aggiungiamo l’abitudine dei giovanissimi di registrare spesso foto e video con il mobile è evidente come sia semplice condividere immagini o informazioni in rete che potrebbero invadere la privacy di amici e conoscenti oltre che mettere a rischio la propria.

Il web e in generale le nuovo tecnologie offrono enormi vantaggi ma vanno utilizzati con grande consapevolezza, gestendo al meglio le impostazioni della privacy che permettono di “difendere” i propri dati da sconosciuti e malintenzionati. Secondo l’indagine il 33,5% dei giovani ancora non ricorre alle impostazioni personalizzate sulla privacy e 115 ragazzi hanno raccontato di aver avuto un’esperienza negativa online avendo subito violenza psicologica o invasioni dei propri dati personali.

Fonte: Pmiservizi.it - Povel

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Ottobre 2014 11:54

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:807

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:5204

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1406

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1467

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1987

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi