Ven17082018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Crimini informatici, dati choc: in Italia ci costano 2,5 miliardi di euro

  • PDF

Secondo i dati Symantec presentati in questi giorni da Norton Cybercrime Report, in Italia i cyber-criminali fanno 2,5 miliardi di euro di danni all'anno. Ma i numeri stanno vedendo una ulteriore crescita. Il rapporto annuale d Symantec è un'interessante finestra sui metodi e sulle statistiche di tutto ciò che è il crimine su Internet.

Mentre c'è da aspettarsi che Internet diventi sempre di più l'obiettivo dei criminali a causa dell'alto volume di persone che vi accedono, della bassa conoscenza di come difendersi e della bassa presenza degli organi di protezione (polizia e legislazione) devo ammettere che i numeri presentati quest'anno sono molto al di sopra di quanto mi aspettassi.

Stando a Norton, l'anno scorso, 556 milioni di persone sono state vittime di un cyber-crimine, per un totale di 110 miliardi di dollari di danni ripartiti tra perdite finanziarie, furti e costi delle riparazioni. Il numero mi sembra particolarmente alto, specialmente se si tiene conto che ci sono solo poco più di 2,2 miliardi di persone collegate a Internet al mondo. Questo significherebbe che una persona su quattro, l'anno scorso, è stata vittima di un virus, malware, o qualche forma di frodi informatiche.

Il Sole 24 Ore, che riportava la notizia,  ha inoltre citato alcuni numeri specifici all'Italia: quasi 9 milioni di persone vittima dei cyber-criminali l'anno scorso e €2,5 miliardi di danni per un totale di  275 euro a vittima.

Secondo le statistiche ora disponibili, i criminali si stanno spostando sul mobile e sui social network ed è lì che si verificano la maggior parte delle nuove attività criminali. Questo ha senso. Gli utenti sono ormai più attenti a non aprire gli allegati di sconosciuti, molti hanno installato un anti-virus e abbiamo tutti sviluppato un certo fiuto per le truffe e per i virus via email. Purtroppo però  non si può dire la stessa cosa quando si tratta dei social network e dei nostri cellulari.

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Febbraio 2013 12:34

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:951

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6022

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1510

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1637

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2178

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi