Lun10122018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Servizi ai clienti: l’occhio del Garante sui call center all’estero

  • PDF

Il fenomeno della delocalizzazione all’estero dei servizi di assistenza ai clienti e customer care è in crescita costante e diverse sono le società che si avvalgono di call center situati al di fuori del territorio nazionale (ad esempio, in Albania, in Tunisia, in Romania).Per questo il Garante per la protezione dei dati personali ha deciso di svolgere un approfondito esame sulla questione e sui delicati profili di privacy che essa pone.

Allo scopo di avere un quadro quanto più completo possibile dell’impatto della delocalizzazione dei call center in altri Paesi, l’Autorità ha dunque esteso ad altre aziende l’istruttoria avviata a suo tempo nei confronti dei maggiori operatori telefonici, anche sulla base di una segnalazione presentata da un sindacato di categoria.

Obiettivo dell’Autorità è quello di  verificare il rispetto delle norme in materia di protezione dati: riguardo a tutta una serie di aspetti, legati in particolare: alle modalità del trattamento dei dati dei dipendenti  e degli utenti che entrano in contatto con  le società, alle misure di sicurezza adottate per proteggere i dati personali, ai rapporti che intercorrono con le società che eventualmente svolgono in outsourcing il servizio, al rispetto dei presupposti per il trasferimento dei dati all’estero, alle eventuali clausole contrattuali relative a questo aspetto stipulate con le società estere dei cui call center le aziende italiane o operanti in Italia eventualmente si avvalgono.

 

Fonte: Newsletter del 3 agosto 2011

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Dicembre 2011 00:45

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:1118

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:6530

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1589

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1895

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2414

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi