Mer24012018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Telemarketing: vietate le telefonate preregistrate senza il consenso

  • PDF

Illecito trattamento dei dati di un cittadino con violazione della privacy in presenza di invio di telefonate preregistrate con fine pubblicitario. Questo, in sintesi, il principio espresso dalla Cassazione con la sentenza 10174/2016, depositata il 24 maggio 2016 a conclusione di una lite tra una compagnia telefonica e il Garante della Privacy.

 

La vicenda prende le mosse dalla segnalazione di un cittadino al Garante sulla ricezione di telefonate pubblicitarie preregistrate. Il garante vietava alla compagnia telefonica il trattamento a meno che non fosse provato il consenso «preventivo, specifico e informato dei soggetti interessati».

La compagnia faceva ricorso in Tribunale, sostenendo che i dati erano stati raccolti prima del 2005 e quindi liberamente utilizzabili. Ma il Tribunale bocciava il ricorso. La causa arriva così in Cassazione: la quale ribadisce, anzitutto, che la possibilità di veicolare messaggi pubblicitari suppone sempre il consenso dell’interessato (come per i fax), perché la direttiva 2002/58 CE afferma che l’opzione opt-oput, cioè la possibilità per uno Stato membri di disapplicare la normativa, è riferita solo alle chiamate con operatore. Quindi con i messaggi preregistrati occorre il consenso espresso. E anche il regime transitorio relativo alla possibilità di utilizzo dei dati raccolti prima del 2005. afferma la Cassazione, è riferita sempre alle chiamate con operatore.

E dato, infine, che questo consenso non risultava acquisito in alcun modo, la Cassazione boccia il ricorso, pur compensando le spese.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Giugno 2016 06:46

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:658

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:4222

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1253

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1327

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1812

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi