Mar19062018

Ultimo aggiornamento06:43:53

Sanzioni in ufficio, violata la privacy: il Comune risarcisce l'ex dirigente

  • PDF

Comune e segretario comunale condannati a risarcire una lavoratrice per violazione della privacy. E’ una sentenza con pochissimi precedenti quella pronunciata nei giorni scorsi dal tribunale civile, nell’ambito dell’estenuante braccio di ferro che vede contrapposti dal lontano 2008 l’amministrazione comunale di San Giorgio delle Pertiche e una impiegata con funzioni di responsabile di area. La dipendente comunale si è rivolta al tribunale lamentando l’illecito trattamento dei suoi dati personali. In particolare, nel corso degli anni, le sono stati comunicati addebiti e sanzioni disciplinari con una procedura irrituale. L’amministrazione di San Giorgio di Pertiche consegnava i provvedimenti agli uffici comunali di Vigodarzere, paese di residenza dell’impiegata. Era quindi il messo a notificarle i provvedimenti a domicilio, anche in presenza dei suoi familiari.

Il ricorso è stato ritenuto fondato. Il giudice ha accertato la violazione delle disposizioni di legge in materia di riservatezza per l’indebita diffusione di dati personali, particolarmente sensibili, condannando l’Amministrazione di San Giorgio delle Pertiche e il segretario comunale con funzioni di direttore generale a risarcire la dipendente, in solido tra loro, con 5.000 euro, oltre alle spese legali, per lesione della privacy e della reputazione personale.

Comune e segretario, dovranno inoltre astenersi in futuro dal compiere comunicazioni alla lavoratrice con le modalità fin qui utilizzate. Il modus operandi adottato risulta infatti in palese contrasto con le linee guida del Garante della privacy: le comunicazioni di addebiti e sanzioni disciplinari vanno effettuate adottando le misure più opportune per evitare che dati personali e sensibili vengano a conoscenza di altre persone.

«La violazione della norma – scrive il giudice – appare ravvisabile sotto il profilo della comunicazione degli atti a un soggetto terzo, e cioè al Comune di residenza della lavoratrice». La consegna dei documenti avrebbe dovuto essere effettuata da un ufficio appartenente all’ente da cui dipende l'impiegata o, in caso di impossibilità di recapito diretto, tramite una raccomandata con avviso di ricevimento, e quindi con la consegna in busta chiusa da parte del servizio postale.

«Con il coinvolgimento di un ente estraneo al procedimento disciplinare – recita ancora la sentenza – sono state violate elementari regole di correttezza, portando gli atti a conoscenza dei funzionari che li hanno protocollati e consegnati». Il contenzioso potrebbe comunque non essere ancora concluso: nel caso in cui sindaco e segretario comunale scegliessero di risarcire la lavoratrice con risorse pubbliche potrebbero profilarsi responsabilità di natura contabile.

Fonte: Il Gazzettino

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Gennaio 2015 09:36

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:880

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:5669

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1461

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1544

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:2064

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2018 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi