Lun20112017

Ultimo aggiornamento06:43:53

Nel mio negozio ho installato una telecamera collegata all’istituto di vigilanza.Devo esporre il cartello che indica il controllo a distanza?

  • PDF

No, per i seguenti motivi: L’obbligo di esporre il cartello che indica il collegamento (Allegato 2) si riferisce ai casi in cui soggetti privati siano direttamente collegati con le forze di polizia. Nel nostro Paese, sono considerate  Forze di polizia quelle espressamente  elencate all'art. 16 della Legge n.121 del 1 aprile 1981, ovvero:

la polizia di Stato, l'Arma dei Carabinieri, quale forza armata in servizio permanente di pubblica sicurezza, il Corpo della Guardia di Finanza, polizia economico-finanziaria con concorso al mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica, la Polizia Penitenziaria,  e il Corpo Forestale dello Stato.

Pertanto, poiché l’articolo 3.1.3 del Nuovo Provvedimento sulla Sorveglianza si riferisce esclusivamente  alle “forze di polizia”, l’adozione del cartello Allegato 2, si applica solo ai corpi elencati nel predetto articolo, mentre nei casi in cui soggetti privati si avvalgano di impianti di videosorveglianza collegati direttamente a istituti di vigilanza,polizia privata,  guardie giurate, etc.,  si deve esporre il cartello di informativa Allegato 1, ovvero la versione  con la semplice telecamera senza alcun riferimento a collegamenti esterni.

Articolo a cura di Nicola Bernardi , Presidente di Federprivacy

 

Ti può interessare anche:

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Dicembre 2011 18:15

Focus

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Privacy, utenti più tutelati con il giro di vite sul consenso

Amici che con vostro stupore sanno dove vi trovate o che musica state ascoltando, call center che vi bersagliano di telefonate promozionali nonostante non vi ricordiate di aver mai dato loro il...

18 Mag 2017 Letto:552

Leggi tutto

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

RGPD e profilazione: cosa cambia con il nuovo Regolamento?

Il diavolo e l’acqua santa: il paradigma potrebbe apparire eccessivo ma descrive in sintesi il rapporto che accomuna le attività di profilazione ed il trattamento dei dati personali. Infatti se esaminiamo tutto...

15 Apr 2016 Letto:3715

Leggi tutto

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and techno…

La sicurezza dei sistemi di ICT in una prospettiva di law and technologies

La sicurezza è un bisogno innato nell’essere umano, legato alla costante presenza nell’ambiente di condizioni di imprevedibilità che determinano nell’uomo stati emozionali di insicurezza, di paura. Nella sua analisi delle motivazioni del...

04 Apr 2016 Letto:1118

Leggi tutto

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabil…

I dati personali come un numero telefonico? Il diritto alla portabilità del dato nel nuovo Regolamento UE

I dati personali come un numero di telefono. Standardizzati, leggibili a macchina, in definitiva portabili. È l’obiettivo dichiarato dal nuovo articolo 18 del Regolamento Europea sulla protezione dei dati personali, secondo cui “l'interessato...

04 Apr 2016 Letto:1218

Leggi tutto

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scen…

Nuovo Regolamento europeo: molto più complesso se si pensa allo scenario

Il Regolamento europeo per la privacy, non è una semplice nuova legge, per le aziende sarà una innovazione che si dovrà inserire in un contesto estremamente complesso ed in uno scenario giuridico...

04 Apr 2016 Letto:1696

Leggi tutto

Multe & Sentenze

Il Corriere della Privacy S.r.l. P.I. 06199650489 - Testata registrata Tribunale di Firenze N.5871 del 08.05.2012
©Copyright 2011-2017 | | Direttore Responsabile: Nicola Bernardi